Tour 12 giorni - Peru' del Nord

Durata soggiorno: 12 giorni, 11 notti
Tour operator: Mistral Tour

info e prenotazione  scarica PDF

Informativa sulla privacy

Un itinerario affascinante in un contesto naturale di assoluta suggestione, dedicato a chi ha già visitato il Perù classico: il tour si svolge interamente nel Nord, sulle tracce delle civiltà antiche e misteriose: Moche, Chimù, Chachapoyas.


1° giorno: Italia - Lima

Partenza per Lima con vettore di linea IATA. Volo diurno. Pasti e films a bordo. Arrivo nel tardo pomeriggio. Trasferimento in albergo. Cena libera.

2° giorno: Lima - Trujillo

Volo per Trujillo. Trasferimento in albergo. Mattinata dedicata all’escursione ad alcuni siti archeologici di indubbio fascino: le huacas del Sole e della Luna (santuari preincaici risalenti alla cultura Moche), Chan Chan, la spettacolare città di adobe che fu capitale dei Chimù. Pranzo presso il villaggio di Huanchaco, dove si potranno ammirare le più belle spiagge della zona. Nel pomeriggio, visita del centro storico di Trujillo, dalla raffinata eleganza barocca. Cena libera.

3° giorno: Trujillo - Chiclayo

In mattinata, partenza per Chiclayo in bus di linea. Pranzo in corso di trasferimento. Nel pomeriggio, visita del museo Tumbas reales de Sipàn, dove è esposto il preziosissimo corredo funerario di alcune tombe della cultura Moche. Proseguimento per Tucume, dove si potranno visitare le 28 piramidi ancora in fase di scavo ed il piccolo museo annesso. Trasferimento in albergo. Cena libera.
La costruzione del Museo Tumbas Reales del Señor de Sipán, a Chiclayo, è stata ispirata dalle antiche piramidi tronche della cultura precolombiana Mochica (I-VI sec. d.C.), ed ospita una collezione di più di duemila pezzi d’oro. L’attrattiva principale è data dalla tomba detta ‘del Signore di Sipàn,’ scoperta nel 1987 dall’archeologo peruviano Walter Alva. Il suo eccezionale corredo funerario comprende gioielli, ceramiche e vesti.
In giganteschi palazzi decorati con rilievi policromi, risiedevano i signori di Tùcume, circondati da un lusso degno di semidei, e serviti da una moltitudine di sacerdoti, amministratori, servitori e esperti artigiani.
Le piramidi di Tùcume hanno delle dimensioni stupefacenti: secondo alcune stime, per la sola costruzione di quella più grande (450 metri di lunghezza, 100 di larghezza e 40 di altezza) furono necessari più di 130 milioni di mattoni di argilla cotta al sole. A differenza di quelle egizie, le piramidi dell’America centrale e meridionale non possedevano punta, ma erano dotate di gigantesche piattaforme dove sorgevano i templi.

4° giorno: Chiclayo

In mattinata, escursione a Batàn Grande, dove si visiterà lo spettacolare bosco secco di Pomac, gigantesco polmone verde nel deserto, oasi protetta dove annidano innumerevoli specie di uccelli tropicali. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, visita del sito archeologico di Huaca Ventarròn, dove è stato recentemente scoperto il più antico sito cerimoniale americano, risalente al 4.500 a.C. Cena libera.
Il complesso archeologico di Huaca Rajada è una piattaforma funeraria che conserva i resti mortali dei Signori Mochica; qui sono state scoperte più di 16 tombe appartenenti a membri dell’élite del tempo; fra queste, quella del celebre Signore di Sipàn, dignitario della gerarchia Mochica, sacerdote-guerriero. La ricchezza del corredo funerario scoperta è paragonabile solo a quella della tomba del faraone egizio Tutankamon.
La costruzione del complesso archeologico consta di una piattaforma bassa e due piramidi di argilla. Durante lo scavo, si scoprì che la tomba del dignitario, corredata da una quantità indescrivibile di gioielli e pietre preziose, era accompagnata dai resti di un guerriero, di un sacerdote, di due donne, di un bambino, un lama e un guardiano con i piedi amputati.

5° giorno: Chiclayo - Gocta

In mattinata, partenza in auto privata per la bellissima provincia di Amazonas, nel cuore delle Ande nordorientali. Pranzo in corso di trasferimento. Arrivo nel pomeriggio e sistemazione in lodge. Cena libera. Il Nord del Perù è il palcoscenico principale di queste civiltà misteriose, offrendo uno sfondo naturale fiabesco alle più alte realizzazioni dell’ingegno umano. Una quantità inimmaginabile di costruzioni ciclopiche, squisite opere in oro e d’argento, tombe sfarzosamente ricche (come quelle del signore di Sipàn e della dama di Cao). Sulle Ande, lungo la costa, per valli, deserti e canyon, il nord del Perù offre il meglio della sua natura e delle sue civiltà, in un intreccio sublime che non ha uguali al mondo.

6° giorno: Gocta - Chachapoyas

In mattinata, escursione a cavallo (o a piedi) alla cascata di Gocta, la terza più alta del mondo (775 metri), in un contesto naturale di grande suggestione. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, proseguimento in auto privata per Chachapoyas. Trasferimento in albergo. Cena libera. La cataratta di Gocta, alta 771 metri, è la terza cascata più alta del mondo, superata solo dal salto Angel in Venezuela e dalle cascate Tugela in Sudafrica. Varie leggende si intrecciano con questo luogo magico: una racconta di una bella sirena bionda che custodiva un recipiente d’oro aiutata da un serpente gigante. Un’altra ci narra la storia di un tal Juan Mendoza che scomparve misteriosamente, incantato dalle rocce che stanno dietro alla cascata. In questo posto meraviglioso, si può ammirare un panorama incantato, circondati dalla magia della Foresta amazzonica.

7° giorno: Chachapoyas - El Chillo

Giornata dedicata all'escursione allo spettacolare sito di Kuelap, la Machu Picchu del nord. Kuelap era una delle città fortificate della civiltà Chachapoyas conquistata dagli Incas. Centinaia di costruzioni circolari, immerse in un bosco tropicale a 3000 metri, sono protette da una muraglia che circonda la cima della montagna, alta fino a 15 metri dal suolo. Pranzo in ristorante. Cena libera.
Posta a 3.000 metri sul livello del mare, in posizione panoramica su una terrazza che domina il superbo paesaggio della catena andina settentrionale, la cittadella di Kuelap è la prova della infinita destrezza dei Chachapoyas, la popolazione che abitò la zona fra il 1.000 ed il 1.300 d.C. La gigantesca muraglia che protegge la città è composta da diverse postazioni di vigilanza, da un torrione, e presenta solo tre stretti ingressi, talmente angusti che potevano essere difesi anche da un solo uomo. La città è interamente edificata in pietra, ma, a differenza dell’architettura inca, le pietre sono finemente intagliate con motivi antropomorfi e zoomorfi. In diversi casi, la collocazione delle pietre è stata studiata apposta per poter ricavare elaborati disegni geometrici.

8° giorno: Chachapoyas - Revash - Leymebamba

In mattinata, partenza in auto privata per Yerbabuena da dove si cammina per circa due ore (chi non se la sente può salire a dorso di cavallo al passo) fino alle spettacolari tombe variopinte di Revash. Il luogo è di una bellezza incredibile e le tombe, costruite 1200 anni fa, a forma di piccole case pitturate in rosso, si trovano su di uno strapiombo color giallo. Proseguimento per Leymebamba. Trasferimento in albergo. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, visita del museo locale che racconta la storia affascinante della civiltà del Chachapoyas, i guerrieri delle nubi. Cena libera.
Il museo di Leymebamba ospita più di 200 mummie, con i loro corredi funerari; le mummie furono recuperate nel 1997 dalla Laguna dei Condor, un immenso specchio d’acqua che si presenta come una mezzaluna; per secoli, questa laguna ha custodito gelosamente sulle sue rive 230 mummie o sarcofagi, molti dei quali in perfetto stato, che sono degni dell’ammirazione mondiale. I mausolei di Revash sono costruzioni di case funerarie dipinte, collocate nelle enormi falde delle rocce; possono arrivare a misurare fino a tre piani, e sono decorate con pitture di animali di color rosso o ocra. Nel sito sono stati recuperati resti di corde, piume, reti, collari, ceramica, ossa.... La maggioranza di queste case funerarie, collocate sotto una copertura di roccia, è provvista di un tetto a doppio spiovente. La ragione della miracolosa conservazione è da ricercare nella posizione difficilmente accessibile e nella protezione atmosferica fornita dalla rientranza rocciosa.

9° giorno: Leymebamba - Cajamarca

In mattinata, partenza in auto privata per Cajamarca varcando uno spettacolare passo andino. Pranzo in corso di trasferimento. Arrivo dopo sette ore di viaggio. Trasferimento in albergo. Prima visita panoramica della città. Cena libera.
Cuarto del Rescate è un luogo di estrema importanza simbolica per la storia peruviana: è a Cajamarca che fu catturato dagli Spagnoli Atahualpa, l’ultimo Inca, nel 1532, ed è in questa stanza che fu tenuto prigioniero fino alla morte, avvenuta 8 mesi dopo. In cambio della sua libertà, si impegnò a riempire la sua prigione di oro (una volta) e di argento (due volte), fino al livello a cui poteva giungere la sua mano. L’aver mantenuto la promessa (l’oro e l’argento furono fatti arrivare da Cusco) non gli valse però la libertà: gli Spagnoli non mantennero la parola data e lo fecero uccidere nella plaza de armas. Questo evento segnò la fine dell’impero Inca e l’inizio della dominazione spagnola.

10° giorno: Cajamarca

Intera giornata dedicata alle visite della bella città coloniale e dei suoi fantastici dintorni: oltre alle antiche chiese, ai musei ed ai palazzi coloniali, si visiteranno le ventanillas di Otuzco (antica necropoli andina) ed il suggestivo Cumbe Mayo, picco roccioso di bizzarra conformazione, attorno al quale si dipanano ingegnosi impianti idraulici pre-incaici. Pranzo in ristorante. Cena libera. Il centro di Cajamarca è contrassegnato da diverse chiese dell’epoca coloniale (XVI e XVII sec.), in fastoso stile barocco; la loro caratteristica precipua è che i loro campanili non sono terminati: la ragione è in una legge dell’epoca, che attribuiva una somma di denaro periodica alle chiese ancora in costruzione. Su tutte, meritano una visita la cattedrale e la Chiesa di Betlemme. Ad abbellire il centro, contribuiscono anche diversi palazzi coloniali o risalenti all’età repubblicana, con portici di pietra finemente intagliata.
La cattedrale, conosciuta anche col nome di Tempio di Santa Caterina, vanta una spettacolare facciata in pietra intagliata, di origine vulcanica, in stile barocco ‘plateresco’ (la pietra è finemente cesellata quasi fosse una placca d’argento, e dà vita ad una parete armoniosamente mossa, con colonne, cornicioni e nicchie).

11° - 12° giorno: Cajamarca - Lima - Italia

Prima colazione. In mattinata, trasferimento in aeroporto e volo per Lima. Proseguimento in coincidenza per l'Italia. Volo notturno. Arrivo previsto il mattino successivo.


Servizi compresi

  • voli in classe economica
  • sistemazione in camera doppia negli hotel indicati o similari di pari categoria con prima colazione
  • visite ed escursioni indicate (ingressi compresi) con guida in lingua italiana, o, dove non disponibile, spagnola o inglese
  • pasti indicati in programma
  • voli interni o gli spostamenti con altri mezzi indicati nei programmi
  • tasse e percentuali di servizio

Servizi non compresi

  • Iscrizione (comprensiva di kit da viaggio e garanzia annullamento) Euro 95 per persona
  • tasse aeroportuali e fuel surcharge da quotare al momento dell'emissione biglietti
  • bevande in genere
  • pasti non specificamente indicati nei vari programmi
  • spese a carattere personale
  • mance

Condividi sui social

Galleria

Agenzia Viaggi Bolgia - Piazza Dante, 23 - 38122 Trento (TN) - Italy - Tel. +39 0461 238333 - P.IVA 00487150229
Orari agenzia: lun - ven  9.00 / 12.30 e 14.30 / 18.30 - sabato  9.00 / 12.00 dal 9 marzo al 30 settembre