Essenza del LAOS e il festival di Wat Phou

Periodo: dal 16/02 al 25/02
Quote a partire da € 2.730,00
Durata soggiorno: 10 giorni, 9 notti
Tour operator: Viaggi Bolgia

info e prenotazione  scarica PDF

Informativa sulla privacy

16 febbraio: Trento - Milano - Bangkok

Trasferimento da Trento per l’aeroporto di Milano Malpensa in autopullman. Arrivo, operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea Thai Airways diretto per Bangkok. Pasti e pernottamento a bordo.

17 febbraio: Bangkok - Pakse - Champasak - Wat Phou

Arrivo a Bangkok la mattina presto e ripartenza con volo per Pakse. Arrivo a Paskse, incontro con la guida e trasferimento in hotel. Tempo a disposizione prima del trasferimento per la visita del Wat Phou.

Riconosciuto dall'UNESCO come sito Patrimonio dell'Umanità, Wat Phou è uno spettacolare tempio pre-angkoriano che si trova tra le risaie e i corsi d'acqua del Laos meridionale. Il tempio è stato costruito su tre livelli: il livello inferiore coincide con l'ingresso del tempio, un lungo viale fiancheggiato su entrambi i lati da due baray (serbatoio/stagno d'acqua), il secondo livello è caratterizzato da padiglioni khmer in arenaria ricchi di sculture e bassorilievi. In cima il livello superiore è il santuario, caratterizzato in passato dalla presenza di un lingam bagnato dalla sorgente sovrastante. Il tempio è stato il più importante centro economico e politico della regione ed è tuttora uno dei templi più venerati del popolo laotiano.

A partire dal tardo pomeriggio assisteremo alla cerimonia di apertura del Vat Phou Festival 2019, con i discorsi dell'autorità locali e una processione dei distretti della provincia di Champasak. Questa processione mostrerà balli e danze coreografiche in abiti tradizionali molto suggestivi.

Il Vat Phou Festival si svolge ogni anno, il 15 ° giorno della luna crescente del 3 ° mese (in gennaio-febbraio) e coincide con il Festival buddista Makha Busa. È basato sul calendario lunare buddista. La celebrazione si svolge durante il terzo mese lunare dell'anno, perché si dice che Buddha abbia consegnato alcuni dei suoi insegnamenti proprio in questi giorni. Successe molto tempo fa in India, che 1.250 seguaci del Buddha vennero a vederlo di propria iniziativa senza un incontro programmato, e tutti questi seguaci furono così chiamati"illuminati" e il Buddha stesso li ordinò come maestri. Diede loro gli insegnamenti fondamentali del Buddismo per poterli trasmettere. Questi insegnamenti erano: evitare il male, fare del bene e purificare la mente. In ricordo dell'evento, questo giorno continua ad essere celebrato con una grande festa e i credenti vengono da molto lontano per partecipare alla cerimonia; alcuni di loro arrivano addirittura dalla Tailandia e dalla Cambogia; è anche l'occasione che permette alle popolazioni di pianura e di montagna di incontrarsi, mantenendo le relazioni che proseguono da tempo immemore.

Cena da concordare in base agli orari della cerimonia di apertura del Festival (attualmente non disponibli). Al termine rientro in hotel a Champasak e pernottamento.

18 febbraio: Pakse - Champasak - 4000 isole

Colazione in hotel e partenza per una giornata di visita nell'area conosciuta localmente come Si Phan Don (4000 isole). In questa bellissima zona, il fiume Mekong raggiunge 14 chilometri di larghezza e ospita migliaia di piccole isole. Trasferimento fino al villaggio di Ban Nakasang, da qui si prosegue in barca per la tranquilla isola di Don Khon, sede di piccoli villaggi e piantagioni. Esplorazione dell’area in tuk tuk. Si potranno ammirare i resti del dominio coloniale francese con una visita alla ferrovia esistente e al ponte costruito per attraversare le cascate. Durante la visita dell’isola si percepirà l'atmosfera rilassata e il lento modo di vivere locale che si è mantenuto nel corso degli anni senza alterazioni.
Successivamente si visiteranno le imponenti cascate Lhi Phi, a ovest di Don Khon molto vicino al confine cambogiano. Durante la giornata effettueremo inoltre una gita in barca nel Mekong per avvistare il raro delfino Irrawaddy. Pranzo in ristorante locale. Al termine delle visite rientro sulla terraferma in battello e poi in auto fino in hotel a Champasak. Cena e Pernottamento in hotel.

19 febbraio: Champasak - Bolaven - Pakse - Vientiane

Dopo la colazione, trasferimento a Pakse e breve tour di orientamento nella città più importante del Laos meridionale. Ammireremo i suoi edifici coloniali e in stile cinese, oltre al suo enorme mercato locale. Dopo il tour della città, partenza per l'altopiano di Bolaven, una terra ricca di cascate e piantagioni di caffè e tè, dove vivono numerosi gruppi etnici appartenenti alla famiglia mon-khmer. I villaggi del bolaven hanno la comune caratteristica di costruire le loro capanne intorno a uno spiazzo al centro del quale si trova il tempio del Genio protettore e il palo ove si compie il sacrificio rituale del bufalo. Vivono ancora secondo i loro ancestrali costumi coltivando la terra con gli strumenti dei loro antenati e conservano intatta la riservata gentilezza della gente di montagna. Si visiteranno le cascate di Pha Suam, dove sarà inoltre possibile visitare un villaggio dove sono ricostruite alcune delle costruzioni tipiche delle principali etnie laotiane. Pranzo in ristorante locale. Al termine trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo per Vientiane. Arrivo a Vientiane e incontro con la guida. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

20 febbraio: Vientiane

Colazione in hotel e intera giornata dedicata alla visita della Capitale Laotiana. Inizio delle visite con il tranquillo Wat Sisaket, uno dei più bei templi della capitale e a seguire il vicino Wat Phra Keo, un museo religioso che espone una collezione di opere d'arte sia Lao che Khmer. Nelle vicinanze si trova il Palazzo Presidenziale, un riflesso del passato coloniale di Vientiane. Prossima visita al Wat Simuang, il tempio più popolare e venerato di Vientiane, considerato il guardiano dello spirito della città. Nelle vicinanze si trova lo 'Stupa nero' di That Dam, una volta la struttura era ricoperta da uno strato d'oro che fu rubato dai thailandesi durante la loro invasione nel 1828. Da qui, ci si dirige verso la vicina Pangkham Street e la fontana di Nam Phou dove convivono tradizione e la modernità. Pranzo lao presso il Lao Kitchen. Dopo pranzo visita a COPE, un'associazione che lavora per aiutare le vittime delle mine antiuomo, La visita del centro fornisce informazioni approfondite sulla storia della guerra americano/vietnamita e sull'impatto degli ordigni inesplosi e sugli sforzi in corso per eliminarli.
Si prosegue poi verso il sito più sacro in Laos, il tempio del XVI secolo di That Luang, un edificio religioso del Buddhismo Theravada, un'imponente struttura la cui cupola un tempo era coperta da lamine d'oro ed ha la funzione di reliquiario, in lingua lao tali edifici vengono chiamati thàat, gli equivalenti degli stupa indiani. Segue una visita al monumento Patuxay, la versione Laotiana dell'Arco di Trionfo, dove è possibile salire fino alla vetta offrendo una vista panoramica della città. Al termine rientro in hotel. Cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.

21 febbraio: Vientiane - Buddha Park - Luang Prabang

Dopo la colazione, trasferimento fuori città verso il Buddha Park. Il viaggio dura circa 45 minuti lungo una strada che funge da importante collegamento tra la capitale del Laos e la Thailandia. Arrivo al Buddha Park e visita del Parco. Conosciuto anche come Xieng Khuang, questo insolito parco è pieno di oltre 200 statue buddiste e indu, sorge in un ambiente tranquillo e silenzioso lungo il fiume Mekong, ed è caratterizzato da sculture un po' eccentriche costruite nel 1958 da uno sciamano laotiano.
Dopo aver visitato il Buddha Park, rientro a Vientiane e lungo il percorso sosta presso il Disabled Women Development Center. Questo centro mira a portare conoscenze e competenze alle donne disabili affinché possano diventare autosufficienti. Si potranno incontrare le donne ed osservarle mentre con grande abilità creano oggetti artigianali come la carta fatta a mano.
Pranzo in ristorante e al termine tempo a disposizione prima del trasferimento in aeroporto. Partenza con volo di linea per Luang Prabang . Arrivo a Luang Prabang e incontro con la guida per il trasferimento in hotel. Cena e pernottamento in hotel.

22 febbraio: Luang Prabang - questua dei Monaci - cascate Kuang Si e Bears Sanctuary

Questa mattina sveglia molto presto (05:30) per assistere alla cerimonia della questua dei monaci, che lasciano le loro pagode per ricevere offerte di cibo dai residenti di Luang Prabang. È una cerimonia bella e serena che mette in risalto lo spiritismo del popolo laotiano. Al termine rientro in hotel per la colazione.
Dopo la prima colazione, visita Wat Visoun, il tempio più sacro della città, seguito da Wat Aham e Wat That, dove le ceneri del re Sisavang Vong sono sepolte all'interno del grande stupa centrale. Si prosegue poi con un viaggio attraverso la campagna di Luang Prabang fino alle cascate di Kuang Si per ammirarle. Una volta raggiunta la cascata, per i più avventurosi sarà possibile raggiungere a piedi la cima delle cascate dove vi attendono panorami bellissimi. Queste cascate precipitano su una formazione calcarea multilivello creando una serie di pozze blu turchese perfette per nuotare. Pranzo in ristorante locale. Sulla via del ritorno, visita al santuario di Free the Bears, che ospita 23 orsi asiatici salvati dal bracconaggio. 

Free the Bears è un progetto internazionale il cui scopo è la salvaguardia degli animali selvatici e principalmente dell’orso in tutto il territorio Asiatico. Free the Bears cerca di migliorare la condizione di vista del plantigrado e oltre al salvataggio e alla riabilitazione, l’associazione cerca di affrontare quelle che sono le principali cause del fenomeno. Una delle principali minacce per gli orsi in Asia è il commercio illegale, tutti gli orsi vengono salvati dai bracconieri, proprietari di animali esotici o persone che intendono usarli nella medicina tradizionale. I bracconieri uccidono o catturano orsi tramite trappole per la caccia e li vendono localmente o li contrabbandano all'estero. Una delle principali minacce per l’orso Asiatico sono le fattorie della bile, una tragica e tristissima realtà ancora oggi presente in alcune regioni dell’Asia dove l’animale viene brutalmente sfruttato per attività di cosmesi e medicina . Free the Bears lavora con comunità, scuole e organizzazioni in tutta l'Asia per cambiare gli atteggiamenti e aumentare la consapevolezza del commercio di animali selvatici. Collabora con università e altre istituzioni che conducono ricerche in questo campo e anche con il governo, le forze dell'ordine e altri enti di beneficenza, per creare e implementare un quadro per combattere i commercianti di animali selvatici. In collaborazione con il Dipartimento forestale del Laos, la costruzione del Centro di soccorso per orsi Tat Kuang Si a Luang Prabang è iniziata nel 2003.

Terminata la visita del centro di riabilitazione degli orsi, se avremo tempo a disposizione effettueremo la visita facoltativa del Kuang Si Butterfly Park dove poter ammirare centinaia di esemplari di farfalle all’interno di splendidi giardini. Successivamente rientro in città in tempo per scalare i 328 gradini del Monte Phousi dalla cui cima si gode di un bellissimo tramonto e vedute panoramiche della città. Cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.

23 febbraio: Luang Prabang - Elephant Village Sanctuary

Prima colazione e trasferimento all’Elephant Village Sanctuary. Il Laos è conosciuto come la terra di un milione di elefanti (Lane Xang), ma oggi l'elefante in Laos è una specie profondamente in pericolo. Ne rimangono circa 1000, dei quali circa 500 lavorano nell'industria forestale raccogliendo legname. La raccolta del legname in Laos sta diminuendo ed è solo una questione di tempo prima che questa attività rallenti a tal punto da lasciare centinaia di elefanti disoccupati. Mantenere un elefante è molto costoso e laborioso, soprattutto perché gli elefanti hanno bisogno di enormi quantità di cibo e, se non si trovano rapide soluzioni questi elefanti rischiano di essere venduti al miglior offerente o peggio. Ci sono stati alcuni sforzi per liberare gli elefanti in libertà in Thailandia, ma con scarso successo perché gli elefanti addomesticati non sono adatti alla vita libera nella giungla e pertanto questa non risulta essere un'alternativa sostenibile.

L’obiettivo dell’Elephant Village Sancturary è di salvare questi elefanti e dare loro un futuro più luminoso. Inoltre, ai visitatori viene offerta la possibilità di conoscere questi animali molto speciali, osservarli e passare un po' di tempo con loro. L'associazione permette agli elefanti di vagare liberamente nella giungla, raggrupparsi in branchi per accoppiarsi cercando di far nascere nuove famiglie. Gli animali hanno a disposizione un veterinario professionista che fornisce assistenza e cure mediche di alta qualità. Elephant Village supporta anche la comunità locale e aumentando il benessere delle persone mentre si lavora per la sopravvivenza e la sicurezza degli elefanti. Il progetto impiega abitanti di Ban Xieng Lom come personale dell’Elephant Lodge, addetti alla manutenzione, cuochi e guide. Alcuni studiano anche per diventare mahouts (colui che si occupa della gestione diretta dell’elefante).

Durante la visita si effettuerà un giro a dorso di elefante (circa 1km) e a seguire breve giro in barca per la visita delle cascate di Tad Sae. Pranzo in loco. Dopo pranzo rientro e Inizio del tour pomeridiano di Luang Prabang con la visita dell'ex Palazzo Reale, ora Museo Nazionale, per poi proseguire fino al Wat Mai, un tempio famoso per il suo basso rilievo d'oro. Segue il Wat Sensoukarahm, costruito nel 1718 con una splendida facciata dorata. Si prosegue poi per il centro di arti tradizionali ed etnologia, un museo dedicato all'esplorazione della ricca diversità delle minoranze etniche del Laos, mostrando costumi tradizionali, strumenti e manufatti. Cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.

24 febbraio: Luang Prabang - Bangkok

Dopo la colazione visita al Ban Phanom, un villaggio specializzato nella produzione tessile tradizionale con tutte le famiglie del villaggio che lavorano con i loro telai per rifornire i mercati locali. I tessuti venivano inizialmente prodotti anche per la famiglia reale e oggi i tessitori usano le stesse tecniche e gli stessi modelli tradizionali di una volta. Per la tessitura vengono usati cotone e seta con una vasta gamma di colori sapientemente uniti per ottenere un effetto scintillante. Oltre ad essere un’occasione di shopping, sarà un’interessantissima esperienza culturale. Al termine rientro in hotel e tempo a disposizione prima del pranzo. A seguire trasferimento in tempo utile per l’aeroporto di Luang Prabang e partenza con volo di linea per Bagkok. Arrivo a Bangkok in serata e attesa della coincidenza per l’Italia.

25 febbraio: Bangkok - Milano

Partenza poco dopo la mezzanotte con volo di linea per Milano. All’arrivo trasferimento a Trento e località di partenza.



Quota di partecipazione

  • Adulto Euro 2730 - quota per 15 partecipanti per prenotazioni entro il 30 novembre

Servizi compresi

  • Volo di linea internazionale Milano / Bangkok / Milano in classe economica
  • Voli domestici Bangkok / Pakse - Pakse / Vientiane - Vientiane / Luang Prabang - Luang Prabang / Bagnkok
  • Sistemazione in hotel 4**** 
  • Camere doppie con servizi
  • Pernottamento e prima colazione
  • 7 cene e 7 pranzi
  • Tour con veicolo privato con aria condizionata come da itinerario
  • Trasferimenti in barca come da itinerario
  • Bottiglie di acqua minerale durante il tour
  • Ingressi per le visite in programma
  • Guide locali in lingua italiana
  • Accompagnatore dall’Italia
  • Assicurazione medico-bagaglio

Servizi non compresi

  • Tasse aeroportuali (soggette a riconferma) Euro 170
  • Visto d’ingresso in Laos USD 35 circa (da pagare in loco)
  • Mance Euro 25 per persona
  • Bevande

Supplementi

  • Camera Singola Euro 390
  • Supplemento partenza base 10 partecipanti Euro 165
  • Assicurazione annullamento in camera doppia Euro 120 per persona
  • Assicurazione annullamento in singola Euro 135
  • Estensione assicurazione sanitaria (100.000 Euro di copertura) Euro 49
  • Costo trasferimento in pullman Trento / Milano / Trento da calcolarsi in base al numero dei partecipanti
  • Eventuali biglietti per macchina fotografica/videocamera

Condividi sui social

Galleria

Agenzia Viaggi Bolgia - Piazza Dante, 23 - 38122 Trento (TN) - Italy - Tel. +39 0461 238333 - P.IVA 00487150229
Orari agenzia: lun - ven  9.00 / 12.30 e 14.30 / 18.30 - sabato chiuso dal 1 ottobre al 1 marzo