TRIESTE nel cuore

Periodo: dal 23/10 al 25/10
Quote a partire da 395,00 €
Durata soggiorno: 3 giorni, 2 notti
Tour operator: Viaggi Bolgia

info e prenotazione  scarica PDF

Informativa sulla privacy

“La mia anima è Trieste”, affermava James Joyce

Umberto Saba gli fa eco: 
“Avevo una città 
bella tra i monti 
rocciosi e il mare 
luminosa. 
Mia 
perché vi nacqui, più 
che d’altri mia 
che la scoprivo fanciullo 
ed adulto per sempre 
a Italia la sposai   col canto".  

Sulla scorta dei due illustri letterati, che tanto l’amarono, vogliamo mostrarvi approfonditamente questa magnifica città tanto cara a tutti gli Italiani. Trieste è città internazionale, sospesa tra un passato glorioso di "piccola Vienna sul mare" e un presente cosmopolita.

23 ottobre: Trento - passeggiata panoramica sul Carso - Miramare - Trieste

Partenza direttamente da casa Vostra con servizio di trasferimento privato. Ritrovo con il gruppo a Trento e località previste ed inizio del viaggio per Trieste, sul Carso. All’arrivo visita del Santuario di Monte Grisa, conosciuto dai triestini come il "formaggino" per la sua forma triangolare, da dove si ha una vista spettacolare della città e del golfo. Pranzo in trattoria a base di pesce. Incontro con la guida e partenza a piedi per una passeggiata panoramica ed emozionante tra il Golfo di Trieste e la macchia mediterranea di una riserva integrale. Il percorso porta fino al Castello di Miramare. Chi preferisce può scendere al Castello con il pullman, sostando a Monrupino sulla cui rocca sorge un’antichissima chiesa fortificata, ed attendere “i camminatori” nello splendido giardino di Miramare.

L'itinerario si snoda su un percorso facile che parte dal ristorante per arrivare, attraverso scorci panoramici sul golfo di Trieste, al Castello di Miramare. La folta vegetazione offre riparo dalla bora, il vento che caratterizza le terre giuliane e che forgia con eleganza la pietra carsica. Da Prosecco si prosegue verso il paese di Contovello, situato sul ciglione dell'altipiano carsico, in linea d'aria sopra la baia di Grignano. Dopo aver attraversato il paese si inizia la discesa immersi nella natura e attraverso i “pastini”, terrazzamenti semi coltivati, per giungere alla caratteristica stazione ferroviaria di Miramare. Pochi passi e si entra nel parco del castello, un’area di ventidue ettari ricca di vegetazione con piante e arbusti provenienti da tutto il mondo. Una passeggiata semplice e non faticosa (due ore in piano e in discesa con 200 metri di dislivello), adatta a tutti, per un percorso dalle alture al mare, accompagnati dai profumi misti della flora alpina che incontra il Mediterraneo.

Al termine, visita del Castello di Miramare posto sull’orlo del promontorio omonimo oggi attorniato dal primo parco marino istituito in Italia.

Dimora storica costruita da Massimiliano d'Asburgo tra il 1856 e il 1860, conserva gli arredi originali e la ricca collezione di opere d'arte esposte nel percorso di visita. La realizzazione degli interni reca la firma degli artigiani Franz e Julius Hofman e si possono ammirare i sontuosi arredi originali delle sale di rappresentanza, degli appartamenti privati, mobili e oggetti preziosi. Il Castello, progettato dall’ingegnere austriaco Carl Junker, è un meraviglioso palazzo in stile eclettico in linea con la moda architettonica dell’epoca, e attua una sintesi perfetta tra natura e arte, profumi mediterranei e austere forme europee. Ricrea uno scenario assolutamente unico grazie alla presenza del mare.

Proseguimento per la città e sistemazione in hotel centrale. Cena in trattoria tipica con menù triestino. Pernottamento

24 ottobre: Trieste romana, asburgica, liberty, letteraria

Prima colazione e incontro con la guida per una mattinata di visite in altura con il nostro pullman: il colle e il panorama di San Giusto, la cattedrale, la basilica romana, il castello e il lapidario, il teatro romano e l’arco di Riccardo. A seguire una testimonianza della storia più recente di Trieste: la Risiera di San Sabba che, dopo l’8 settembre 1943, fu adibita a luogo di detenzione prima della deportazione nei campi di sterminio. Una visita molto commovente. Discesa in città bassa e tempo a disposizione per il pranzo libero.

È d’obbligo provare i buffet che sono una vera e propria istituzione triestina che non passa e mai passerà di moda; in dialetto triestino li chiamiamo “spaceti”, in qualsiasi ora della giornata, dal mattino presto alla sera, è possibile mangiare qualcosa di buono o, per usare un termine tecnico, consumare il classico rebechin. Quella del buffet è una vera e propria arte e al banco non gusterete tristi tramezzini secchi o piatti surgelati. Macché. Bolliti, profumati prosciutti, crauti e salsicce con cren e senape, la mitica e immancabile jota, il gulasch e, come non nominarla, la porzina (carne di maiale che, diciamocelo chiaro e tondo, tra due fette di pane è qualcosa di delizioso). E poi? E poi ci sono i dolci tipici, di confine, che parlano un po' italiano, un po' sloveno, un po' austriaco.

Ritrovo con la guida e pomeriggio dedicato al Borgo Teresiano solcato dallo scenografico Canal Grande e chiuso dalla neoclassica chiesa di Sant’Antonio da Padova, adiacente a quella serbo-ortodossa di San Spiridione. Affacciata sul bacino di San Giorgio e affiancata dal Teatro Verdi, la chiesa di San Nicolò dei Greci che ripropone il tema dei rapporti di Trieste con il mondo orientale, da sempre importante.

L'eleganza della città traspare nei suoi palazzi che parlano con il linguaggio neoclassico, liberty, eclettico, barocco e convivono armoniosamente con vestigia romane, edifici del Settecento e di stampo asburgico. Il Liberty è lo stile forse più "piacevole" in quanto, quarta città dell'Impero asburgico, non poteva certo sfuggire alla moda europea dello Jugendstil. Nel nostro percorso non mancheremo di ammirare le espressioni più interessanti del Liberty triestino.

A seguire il Ghetto e conclusione sulle Rive, passando davanti al Molo Audace e sostando nella monumentale Piazza Unità d’Italia.

È una delle piazze più grandi della penisola, e probabilmente la più grande in Europa con affaccio sul mare: Piazza dell’Unità d'Italia è un gioiello dell’architettura e uno degli scorci più caratteristici del Belpaese. La sua forma rettangolare, di cui un lato è costituito dal mare aperto, la rende riconoscibile a colpo d’occhio grazie inoltre agli eleganti edifici tra i quali spicca il Palazzo del Municipio.

Cena in uno dei celebri Caffè della citta, veri e propri salotti ricchi di storia, locali dal fascino retrò, vestigia di un passato cittadino di indubbio aroma mitteleuropeo, indissolubilmente legati alla letteratura: il Caffè San Marco.

Tra i locali storici il Caffè San Marco, aperto nel 1914, era luogo di ritrovo di lettori di quotidiani per poi diventare, all’epoca della Prima Guerra Mondiale, un laboratorio di passaporti falsi per i patrioti antiaustriaci. Gli interni ripropongono la tipica atmosfera del caffè viennese: il bancone di legno intarsiato, i nudi dipinti sui medaglioni alle pareti, il ripetersi ossessivo delle foglie di caffè nelle decorazioni, i tavolini di marmo con la gamba di ghisa, le specchiere e gli affreschi originali. Suoi clienti abituali furono Saba, Svevo e Giotti.

25 ottobre: I Musei - Trento

Prima colazione e giornata riservata a due importanti istituzioni culturali di Trieste: il Museo Sartorio e il Museo Revoltella.

Il Civico Museo Sartorio si presenta come una raffinata abitazione borghese dell’Ottocento, qualificabile con la definizione di “casa museo”, dove gli arredi, le opere d’arte, i cimeli e gli oggetti di uso quotidiano sono parte del percorso espositivo: la sala da ballo, i salotti, la biblioteca, la sala da pranzo, la grande cucina, permettono di conoscere lo stile di vita dell’alta borghesia triestina dell’Ottocento. Il Museo espone anche l’importante collezione di 254 disegni di Giambattista Tiepolo, una delle cinque più importanti al mondo, acquistata da Giuseppe Sartorio nel 1893, e la collezione Histria, un corpus di opere d’arte dal ’300 al ’700 (Paolo Veneziano, Alvise Vivarini, Vittore Carpaccio, Giambattista Tiepolo) di provenienza istriana, ricoverate a Trieste durante la Seconda Guerra Mondiale. 

A seguire pausa pranzo libero e pomeriggio dedicato allo stupendo Museo Revoltella.

Il barone Revoltella fu uno dei grandi personaggi della storia della città, protagonista della borghesia commerciale e imprenditoriale della metà dell’Ottocento triestino. La sua dimora, palazzo Revoltella, esempio di neoclassicismo, progettata dal berlinese Hitzig in maniera elegante all'esterno e in modo sfarzoso all'interno, è ancora oggi una galleria d'arte fondata nel 1872 per volontà dello stesso nobile. Il palazzo, arricchito dall'intervento dell'architetto Scarpa, ospita sia la parte storica baronale che la Galleria d’Arte Moderna con opere di Canova, Casorati, De Nittis, Hayez, Manzù, Minguzzi, Previati e opere di artisti italiani del secondo Ottocento come Fattori, Induno, Palizzi, Morelli.

Al termine della visita partenza per il rientro a Trento e località di provenienza con trasferimento privato a casa Vostra.



Quota di partecipazione

  • Euro 395 - quota adulto base 30 partecipanti
  • Euro 425 - quota adulto base 25 partecipanti
  • Euro 450 - quota adulto base 20 partecipanti
  • Euro 510 - quota adulto base 15 partecipanti

Servizi compresi:

  • Partenza Sottocasa*
  • Viaggio in autopullman GT
  • Sistemazione in hotel 4 stelle, in camera doppia con servizi
  • 2 pernottamenti con prima colazione
  • 1 pranzo e 2 cene con bevande
  • Guida per le visite in programma
  • Escursione guidata sul Carso
  • Ingressi gratuiti fino al 31/12 alla cattedrale, basilica romana, castello e lapidario, San Sabba, Museo Sartorio e Museo Revoltella
  • Auricolari per le visite
  • Tassa di soggiorno
  • Accompagnatore professionista
  • Assicurazione medico-bagaglio

Servizi non compresi

  • Ingresso a Miramare Euro 12

Supplementi

  • Camera singola Euro 95
  • Assicurazione annullamento a persona in doppia Euro 25
  • Assicurazione annullamento in singola Euro 30

Riduzioni

  • Rinuncia “Partenza Sottocasa” Euro 10

Partenza Sottocasa

*Passeremo a prendervi sotto casa per portarvi al punto di ritrovo con il gruppo e vi riporteremo a casa al rientro dal viaggio. Il servizio è attivo nella città di Trento e verrà effettuato su base collettiva o individuale, da richiedere all’atto della prenotazione e fino ad esaurimento posti. Il servizio è facoltativo e con supplemento nelle altre località.

Condividi sui social

Galleria

Agenzia Viaggi Bolgia - Piazza Dante, 23 - 38122 Trento (TN) - Italy - Tel. +39 0461 238333 - P.IVA 00487150229
Orari agenzia dal 18 maggio 2020: lun - ven  9.00/12.30 - 15.00/18.00 - sabato su appuntamento