Fuga d'ARTE a PALERMO

Periodo: dal 4/12 al 8/12
Quote a partire da 760,00 €
Durata soggiorno: 5 giorni, 4 notti
Tour operator: Viaggi Bolgia

info e prenotazione  scarica PDF

Informativa sulla privacy

Città araba, normanna e barocca, Palermo si rivela agli occhi dei visitatori curiosi come uno straordinario scrigno di arte e storia. I monumenti simbolo di questa felice sintesi di culture, popoli e religioni diverse rendono la città unica nel panorama italiano per i suoi palazzi, chiese e giardini, negli ultimi anni interessati da importanti interventi di restauro e di recupero storico architettonico che hanno migliorato il volto del centro storico. Seguiremo le tracce artistiche e architettoniche più affascinanti lasciate nel corso dei secoli dai vari conquistatori che si sono succeduti, inclusa l’escursione “fuori porta” nello splendore abbacinante del duomo di Monreale, voluto da Guglielmo II nel 1172. Un’occasione davvero esclusiva sarà la visita a Palazzo Mirto, una delle residenze nobiliari più affascinanti e celebri d’Europa.


4 dicembre: Trento - Verona/Bergamo - Monreale - Palermo

Partenza direttamente da casa Vostra con servizio di trasferimento privato. Ritrovo con il gruppo a Trento e località previste ed inizio del viaggio pullman GT per l’aeroporto di Bergamo. Volo aereo per Palermo. All’arrivo, incontro con la guida e breve trasferimento a Monreale. Pranzo in ristorante e, a seguire, visita del celebre Duomo a tre navate divise da colonne sormontate da capitelli classici, con le pareti delle tre absidi rivestite da decorazione musiva in oro, realizzata tra il XII e il XIII secolo da artisti locali e veneziani di scuola bizantina. A seguire un capolavoro dell’arte medievale, il chiostro del convento benedettino: i capitelli delle colonne sono ornati con scene bibliche e rappresentazioni allegoriche delle stagioni e dei mesi. Proseguimento per il centro città. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

5 dicembre: Palermo Arabo-Normanna e gli Oratori

Prima colazione e partenza per l’intera giornata di visite con guida. In pullman si raggiunge la chiesa di San Giovanni degli Eremiti le cui origini risalgono al VI secolo, divenuta poi moschea e ricondotta al culto originario verso il 1136. Proseguimento per il Palazzo dei Normanni, eretto durante la dominazione araba a scopo difensivo e ampliato successivamente, oggi sede dell’assemblea Regionale della Sicilia; al suo interno la Cappella Palatina, definita da Maupassant "la meraviglia delle meraviglie", che riunisce stili bizantini, latini e arabi in quella convivenza tra culture e religioni apparentemente inconciliabili. Continuazione con la Cattedrale, già moschea in epoca islamica, convertita in chiesa da Roberto il Guiscardo all'indomani della conquista di Palermo. Pranzo con l’ottima cucina del territorio e, nel pomeriggio, visita alla chiesa di Santa Caterina, una delle più ricche e decorate di tutta la città, per ammirare l’opulenza degli stucchi, dei marmi e degli affreschi che, in perfetto stile barocco, decorano ogni centimetro quadrato dell’ambiente interno. Infine lo splendido Oratorio di S. Cita che rimarca lo schema tipo dell'oratorio come luogo di assemblea e di culto, col netto contrasto architettonico tra l'esterno, fortemente modesto, e l'interno barocco con meravigliosi stucchi sapientemente realizzati dal Maestro Giacomo Serpotta. Rientro in hotel, cena libera e pernottamento.

6 dicembre: il mercato, il quartiere capo e la Mondello Liberty

Dopo la prima colazione inizio di giornata con la Martorana, interamente ricoperta da mosaici bizantini, e quindi, passando dai Quattro Canti, la Piazza Pretoria, definita dai palermitani della "vergogna" per la scabrosità delle sculture della fontana. Passeggiata all’interno del quartiere Capo, l’antico Seralcadio, dove si estende l’omonimo mercato formato da un quadrivio di vie. È un animatissimo e caratteristico mercato alimentare: i colori, i profumi, le urla (i vuci) dei venditori, l'animazione e i richiami (le abbanniate), ne fanno un elemento essenziale del carattere della città. Visita della magnifica Chiesa dell’Immacolata: l'interno "abbaglia" per la ricchissima decorazione marmorea policroma a cui si dedicarono i famosi architetti Giacomo Amato e Gaetano Lazzara. Tempo a disposizione per il pranzo libero e, nel pomeriggio, trasferimento nel sobborgo di Mondello, capitale del Liberty siciliano, con splendide ville ed edifici della Belle Époque: un itinerario floreale dal villino Clelia al villino Franca, passando per i Villini Fragoletta-Arrivas, Sofia, Fernanda, Luisa, Tecla … fino a raggiungere il bellissimo edificio realizzato dai Basile nel 1924 per il pittore Gregorietti.

Lo stile Liberty siciliano è una delle maggiori espressioni dell'Art Nouveau in Europa. Grazie alle opere di Filippo Basile e di suo figlio Ernesto, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento Palermo e Mondello si avvicinano ad un nuovo stile, il Liberty, per la realizzazione di teatri, ville e palazzi borghesi: la natura stessa ispira questa espressione artistica e alimenta la libera creatività con risultati strepitosi.

Rientro per la cena e pernottamento in hotel.

7 dicembre: il Museo Archeologico Salinas e i Gattopardi

Prima colazione e partenza per l’interessante e particolare mattinata: visita del Museo Archeologico Salinas, tra i più importanti musei d’Italia, con eccezionali reperti degli antichi popoli che hanno fatto la storia siciliana: fenici, punici, greci, romani e bizantini. A seguire, occasione specialissima di una visita a Palazzo Mirto, testimonianza dello sfarzoso ambiente settecentesco della Palermo illuminista. È una casa museo che possiede opere di elevato valore artistico e ha mantenuto inalterata la lettura degli arredi, che coprono un arco temporale che va dal '500 all' '800.

Palermo è una città intima e segreta che spesso nasconde molte delle sue bellezze. Passeggiando nel suo centro storico fatto di contrasti, ci si imbatte in palazzi decadenti e fatiscenti accanto ad altri bellissimi e sfarzosi. Per capire realmente ciò che da quelle splendide facciate si può solo immaginare, bisogna entrare: Palazzo Mirto è una vera perla nella Palermo storica. Donna Maria Concetta Lanza Filangeri, ultima erede di una delle più antiche famiglie aristocratiche della Sicilia, dona nel 1982 il suo antico palazzo con tutti i suoi arredi e le svariate collezioni di oggetti d’arte, alla Regione Siciliana. E oggi palazzo Mirto è un meraviglioso museo, e si offre ai visitatori come un prezioso informatore sulle abitudini e lo stile di vita della nobiltà del tempo.

Pranzo libero e pomeriggio a disposizione per visita individuali. Cena e pernottamento in hotel.

8 dicembre: la Kalsa e Palazzo Abatellis - i luoghi di Delizie - Bergamo/Verona - Trento

Prima colazione e trasferimento in uno dei quartieri simbolo della città: la Kalsa. Qui, in Piazza Marina, all’ombra di imponenti ed eleganti palazzi nobiliari, l’inquisizione scrisse una delle sue pagine più oscure. Visita della Galleria Regionale della Sicilia, all’interno di Palazzo Abatellis edificato nel 1495, con la ricca pinacoteca che racchiude capolavori di Antonello da Messina (il Trionfo della Morte e l’Annunziata) ed il busto di Eleonora d’Aragona di Francesco Laurana. Pranzo “alternativo” all’Antica Focacceria San Francesco: la tradizione del “cibo di strada “con un’irresistibile degustazione di arancini, panelle, sfincioni, i celebri panini 'ca meusa'... un autentico trionfo di gola!!!

Dal 1834 a oggi, la storia dell’Antica Focacceria San Francesco racconta le persone, gli eventi e i sapori che hanno fatto di un’antica cappella un luogo di culto per il palato. Una vera e propria fucina di idee, ricette e piatti che affondano le proprie radici in secoli di tradizioni gastronomiche siciliane, greche, arabe, spagnole e francesi.

Nel pomeriggio due visite al di fuori dei circuiti classici, con prima tappa alla Zisa, splendido edificio sorto grazie a Guglielmo I e Guglielmo II nell’XI secolo quali luogo di delizia riservati allo svago ed al riposo nella frescura. Fu progettato in stile arabo, da architetti arabi e maestranze musulmane, perché i Normanni erano fortemente attratti dalla cultura dei loro predecessori, e i sovrani vollero residenze ricche e fastose come quelle degli emiri adottandone anche il cerimoniale ed i costumi.

Riconosciuti come i protagonisti di una delle Corti più ammirate del Medioevo, i sovrani normanni di Sicilia, accanto alla tradizionale fama di guerrieri, uniscono anche quella di committenti di prestigiosi e raffinati edifici civili e religiosi. Realizzarono nella grande Piana di Palermo un immenso Parco Reale. All’interno di questa vasta area, denominata “Genoardo” cioè Paradiso della terra, gli Altavilla promossero l’edificazione dei loro “Sollazzi Regi” (luoghi di delizie), splendide dimore circondate da giardini dalla vegetazione lussureggiante, padiglioni di caccia, laghi artificiali e peschiere. Il Castello della Zisa è uno dei capolavori Arabo-Normanni di Palermo, Patrimonio Unesco.

Quindi sosta e visita alla Palazzina Cinese, antica dimora reale dei Borbone delle Due Sicilie, situata a margine del Parco della Favorita.

Sembrerà inverosimile eppure a Palermo è possibile trovare la Palazzina cinese che rientra tra le bellezze nascoste del capoluogo. Si tratta di un edificio molto particolare che rispecchia appieno lo stile cinese e vanta una recente ristrutturazione che ne esalta le caratteristiche orientali. Fatta realizzare durante il periodo borbonico da Ferdinando IV, vero e proprio cultore dell’arte asiatica, che ci ha lasciato un bene dal valore culturale elevatissimo.

Al termine delle visite proseguimento per l’aeroporto. Partenza con volo per Bergamo/Verona. Rientro a Trento e località di partenza in pullman GT con trasferimento privato a casa Vostra.


Quota di partecipazione

  • Euro 760 - quota adulto base 30 partecipanti

Servizi compresi

  • Partenza Sottocasa
  • Trasferimento A/R da Trento all’aeroporto di Bergamo
  • Volo Ryanair incluso tasse di imbarco (prezzo ad agosto 2021 Euro 105)
  • Un bagaglio a mano da 10 Kg e un bagaglio in stiva da 20 Kg
  • Trasferimento A/R aeroporto Palermo/hotel
  • Pullman a disposizione per le visite in programma il secondo, terzo e quinto giorno
  • Sistemazione in hotel 4****, centralissimo, in camera doppie con servizi
  • 4 pernottamenti con prima colazione
  • 2 cene in hotel
  • 3 pranzi tipici in ristorante
  • Guida per tutte le visite in programma
  • Auricolari
  • Accompagnatore professionale
  • Assicurazione medico-bagaglio (che include Covid e fermo sanitario)

Servizi non compresi

  • Pacchetto ingressi Euro 76 (Monreale chiesa e chiostro; Museo Abatellis; Palazzo Normanni e Palatina; Santa Cita, Santa Caterina, Immacolata; Martorana; Museo Salinas; Palazzo Mirto; la Zisa; San Giovanni Eremiti)
  • Tassa di soggiorno da pagarsi in loco Euro 2 a persona, al giorno

Supplementi

Riduzioni

  • Rinuncia al servizio “Partenza Sottocasa” riduzione di Euro 10 a persona

Note

  • Le tariffe aeree sono dinamiche e soggette alla disponibilità del momento. In fase di prenotazione, nel caso la tariffa volo indicata nella quota calcolata in base all'attuale costo del volo (agosto 2021) non fosse più disponibile, verrà comunicato eventuale supplemento
  • Per iscriversi a questo viaggio è necessario essere munirti di Green Pass.

Condividi sui social

Galleria

Agenzia Viaggi Bolgia - Piazza Dante, 23 - 38122 Trento (TN) - Italy - Tel. +39 0461 238333 - P.IVA 00487150229
Orari agenzia da aprile 2021: lun - ven  9.00/12.30 - 15.00/18.00 - sabato su appuntamento